.... corro perche' sto scappando; ma non ditelo in giro...

lunedì 7 giugno 2010

un bel regalo da Yogi ! e altre foto gara dei Lagoni..

eccomi , folletto che corre in un mondo fantastico.

Questo e' il regalo di Yogi che oggi mi ha ritratto come solo Lui sa fare .. L'Empatia come dice ovvero la "Capacità di un individuo di comprendere in modo immediato i pensieri e gli stati d'animo di un'altra persona"
forse e' questo che ci lega cosi' da lontano :-)))
La legherei a due cose belle che ho letto che poi vanno a fondersi in una sola...
la prima dal blog di Mjavale conosciuta meglio grazie ad un errore postale.. mi sono arrivate le sue canotte /maglie blogtrotters :-))) che le ho rispedito..
leggetevi questo:
Il lungo rappresenta il senso profondo della corsa, è una metafora perfetta del desiderio di fuga insito in ognuno di noi. Certo, anche i lavori di qualità e la corsa veloce rivestono significati intensi, ma soltanto il lungo è capace di riportarci a una dimensione di autentica naturalità.
I lunghi lenti permettono di sentirsi liberi, svincolai da ogni dovere. Amiamo correre per ore perchè nulla come la corsa in solitudine è in grado di tranquillizzare e mettere dii buon umore. Già il solo fatto di non portarsi dietro il cellulare procura piccoli, impagabili spasmi di godimento. Essere irraggiungibili, lontani e inafferrabili come libellule è una sensazione che non ha eguali anche se si procede alla dopolavoristica velocità di 11 chilometri orari.
Per vivere meglio è necessario coltivare fantasie di fuga. Per resistere e sopravvivere alla routine è necessario costruirsi vite parallele. Il desiderio di fuga è una bomba al naplam da utilizzare in tutti quei momenti della giornata in cui le gambe fremono e la mente è una mosca impazzita che ronza attorno alla noia come a un lampadario acceso in una notte d'estate.
E allora non siamo più in ufficio, siamo alle Maldive o a Rio de Janeiro e tenere una conferenza in spiaggia. ...
La fantasia di fuga non ha confini e non risparmia nessuno: il coniuge, i genitori, la scuola, il lavoro, la propria città. Basta un bagliore del cervello e l'abbandono degli obblighi quotidiani è cosa fatta, è inghiottire ossigeno dopo una lunga apnea. Poi ovviamente non succede nulla e il mattino dopo si ritorna in ufficio con le pive nel sacco, ma non importa: per qualche attimo si è cullati dell'ebbrezza dell'altrove.
301 correre - M. Cassardo
poi ci aggiungerei questo libro che ha cambiato probabilmente tante persone (una di sicuro):
"...perseguire un obiettivo che cambia continuamente e che non è mai raggiunto è forse l'unico rimedio all'abitudine, all'indifferenza, alla sazietà. E' tipico della condizione umana ed è elogio della fuga, non per indietreggiare ma per avanzare. E' l'elogio dell'immaginazione mai attuata e mai soddisfacente".

Quando non può più lottare
contro il vento e il mare per seguire la sua rotta,
il veliero ha due possibilità:
l'andatura di cappa (il fiocco a collo e la barra sottovento)
che lo fa andare alla deriva,
o la Fuga davanti alla tempesta
con il mare in poppa e un minimo di tela.
La Fuga è spesso, quando si è lontani dalla costa,
il solo modo di salvare barca ed equipaggio.
E in più permette di scoprire rive sconosciute
che spuntano all'orizzonte delle acque tornate calme.
Rive sconosciute che saranno per sempre ignorate da coloro
che hanno l'illusoria fortuna
di poter seguire la rotta dei carghi e delle petroliere,
la rotta senza imprevisti
imposta dalle compagnie di navigazione.
Forse conoscete quella barca che si chiama: Desiderio.
(Henri Laborit)

e adesso le altre foto della gara dei lagoni da PODISTI.NET di Arturo Barbieri (clicca x gli album)

 ciao
PIMPE

12 commenti:

insane ha detto...

Che onore! La vignetta di Yogi.. ;)

Oliver ha detto...

Concordo al 100%. Rinunciare alla fuga equivale a rinunciare a vivere. Già provato. Grande Pimpe

Patty ha detto...

Non potrei non trovarmi in sintonia con quello che hai scritto soprattutto in questo periodo......o no?

Voglio quel libro!!!!!!!!!
Bellissime le foto tranne la mia ultima ORRIBILE!!!!!

Pimpe ha detto...

@insane: e' un premio ambito..

@oliver: la vita insegna.. bisogna avere coraggio e voglia di vivere.. soprattutto una cosa che non deve mai mancare e' l' ENTUSIASMO..! quello fa la differenza tra una persona giovane e una vecchia.. ;-)))

@patty: io quel libro l'ho comprato nel 98 a Milano..
siamo arrivati alla cassa io e mia moglie (allora fidanzata) con un libro a testa .. io l'elogio della fuga , lei con " come addestrare un uomo" .. non ti dico la cassiera le risate... :-)))
p.s. chiedi in giro magari qualcuno ce l'ha... :-))

theyogi ha detto...

era un pò che ci pensavo, e mi pareva fosse arrivata l'occasione giusta: in fondo è un altro modo per sondare le mie possibilità..... :)) l'empatia sostiene la nostra comunità che si alimenta soprattutto di scambi, a tutti i livelli.....

margantonio ha detto...

complimenti per le citazioni.
al fascino del lungo aggiungerei un dettaglio: mi è capitato a volte di uscire, correre a caso per strade sconosciute e "perdermi" poi solo dopo un tot tempo cercare di individuare la direzione del ritorno. Chiaro che così facendo il lungo rischia di trasformarsi anche in un ...lunghissimo, ma vuoi mettere?
ciao
antonio

Pimpe ha detto...

@yogi: ne riparliamo davanti a cacio pepe ecc...

@margantonio: ciao Anto! hai perfettamente ragione.. capita anche a me e anche in pochi km di portarmi in altre dimensioni.. se raggiungi quella condizione di poca fatica e rilassamento in corsa ti sembra di perderti.. fantastic !

Patty ha detto...

per ciò che riguarda la corsa lunga sarebbe la mia preferita, lenta in un contesto come quello di domenica magicamente avvolto nella natura..........impagabile!
Peccato che il mio piede non è molto d'accordo in questo periodo :-(((

arirun ha detto...

Ciao Pimpe bellissime citazioni..dovrebbero leggerle tutti quelli che nella corsa vedono solo fatica e sudore inutili!!La cui unica domanda rimane
"ma quanto è lunga la maratona di New York"??

Anonimo ha detto...

Questo libro non può mancare nella mia privatissima libreria!
Io quando faccio il lungo...entrao in un'altra dimensione......ho visioni.........profumi......mah te ne perlaerò sabato.....magari capita anche a te!!
Ale Moretz

Pimpe ha detto...

@patty: ancora sto piede? troppi terreni accidentati.....

@arirun: hai troppo ragione.. fortuna che io gli dico subito che maratone non ne corro...

@moretz: bello eh? se devo dire la verita' non e' molto scorrevole la sua lettura.. bisogna leggerlo concentrati... ma cmq e' perfetto...

mjaVale ha detto...

Grazie per la citazione del blog, quell'articolo letto su Correre mi ha così colpita che ho scritto due righe "di ringraziamento" all'autore...
Pareva che scrivesse di me, mi ci sono così riconosciuta!
L'altro libro lo annoto per il prossimo giro in libreria.
ciao e buone corse ;-)