.... corro perche' sto scappando; ma non ditelo in giro...

mercoledì 26 marzo 2014

Superare la stanchezza fisico mentale..


Esco da un qualche mese un po' provato. Gli allenamenti e il resto mi hanno chiaramente presentato il conto e la mezza condotta in maniera folleggiante ha chiuso il cerchio..



Poco tempo per recuperare , settimana scorsa solo lenti e una corsa variata per slegare le gambe.
Questa settimana si prova a rifare qualita' e uno specifico sui 1500 che prevede una prova sugli 800 metri..

Ieri un bel medio, in parte ondulato, sopra gli 8 km condotto facilmente a 3'59"/km .

Il problema e' recuperare la testa , troppi casini troppi pensieri , troppi eventi..
Forse domenica con il cambio del'ora si puo' avere un aiuto in piu' con la luce del sole sino a tardi.

a cena da amici :)

Il prossimo appuntamento importante coi Road e' il miglio (1609 metri) in pista a Voghera il 5 aprile.
Devo arrivare carico come ad Ancona.

A presto.
Pimpe

domenica 23 marzo 2014

Lisbona e il ponte




 Il ponte.  Quel benedetto ponte sul Tago a Lisbona si chiama XXV aprile , che strano ,come un campo di atletica milanese.. Una giornata calda gia alle 9 .. I nostri poncho viola non servono a molto. Io lo regalo ad un signore mentre da Pragas zona Almada mi porto alla Partida .33.000 persone ma voglio andare davanti e li vado a piazzarmi.. un'ora e un quarto fermo in piedi e sotto il sole. Mi passano una bottiglia d'acqua e ne bevo un sorso.. Poi e' l'ora. Via . Fare di corsa quel ponte e' un'esperienza mitica.. solo chi ha provato sa.. all'inizio  un po' di traffico dovuto al fatto che non essendoci griglie anche i piu' lenti e "ingombranti" potevano trovarsi davanti , poi le corsie larghe hanno risolto il problema.. Passarci sopra da un senso di liberazione, non lo affronto adagio ma forte , sin troppo forte per quei 3 km che ti lanciano in un'altra dimensione per poi scendere e finire disidratato o quasi i 21 km di questa bellissima mezza maratona..
Gioco per 8 km passando in 30'01" , poi remi in barca e via sino all'arrivo in 1.27'03"..








Si poteve far meglio con una partenza cauta e ragionata ma a volte correre serve anche per svuotare la testa e questa e' una di quelle volte.. Un ponte serve per portarti dall' altra parte della riva  e percorrerlo a tutta e' una manifestazione di voglia di cambiamento , di rinascita  e allora , andiamo ..


Per il resto le  foto della gara  parlano da sole ..





























aggiungo una foto che il Moretz mi ha scattato a Cabo da Roca ,il punto piu' a ovest dell ' Europa , di fronte l'Atlantico ;-)


Alle prox.
Pimpe

martedì 18 marzo 2014

VIDEO ANCONA 1500 ITALIANI INDOOR M45 2014


Eccovi il video del mio esordio sui 1500 metri agli italiani indoor ad Ancona l' 8 marzo 2014con un ottimo ottavo posto .

Video parole e musica by Luciano Alvazzi !

p.s. mettete HD nella risoluzione..

martedì 11 marzo 2014

STORIE.... ANCONA . ITALIANI MASTER INDOOR M45 - 1500 METRI


Sabato 8 marzo.

C'era una volta un bambino di 13 anni che inseguiva un sogno, quello di correre.. era molto veloce e magro come un chiodo.. correva l'anno 1980 , Mennea vinceva a Mosca l'oro olimpico nei 200 metri e l' Italia sognava di volare malgrado le bombe di Bologna e la strage di Ustica,erano  gli anni di piombo e delle stragi di stato..

La scusa erano i giochi intercomunali , dove si correvano gli 80 metri a tutta .. Il bocia era malgrado gli zero muscoli una scheggia.. suo papa'  decise di comprargli delle scarpette chiodate , per vedere se poteva continuare a sognare di volare.. Poi ,come spesso accade, la via piu' facile era quella di inseguire un pallone come tanti in quegli anni e quelle scarpette rimasero rinchiuse nei vari armadi come quel sogno ..




A volte pero' dopo giri immensi certi sogni rinascono come per magia e complice un desiderio di cambiamento quelle scarpette tornarono a vedere la luce.. adesso sono da Olo allo Sportway , delle vecchie SupergaSport bianche e blu coi chiodini .. Han dato il cambio a delle nuove fiammanti adidas Arriba 4 che sono tornate ai piedi del sempre magro bimbo un po' imbiancato in testa ma con lo stesso entusiasmo per quei chiodini sotto le suole e quell'anello da percorrere a tutta.

Occasione piu' che ghiotta diventa l'iscrizione alla nuova societa' Road Runners Milano sezione Track & Fields che ha subito in programma gli italiani indoor master ad Ancona ,in programma il 7 8 9 marzo.


La scelta cade sui 1500 , anche per familiarita', il fratello aveva molto talento all'epoca su quella distanza e la pista novarese era solcata da altrettanti promettenti atleti.. Quindi dopo un buon periodo di allenamento ECCOMI  a riprendere la strada.. Nessuno specifico sui 1500 ma molto lavoro aerobico e qualche predisposizione naturale per la velocita'.

Partiamo cosi venerdi 7 da Milano verso Ancona ,in 5 tra cui Virgiio 87 anni che nei lanci sara' pluricampione italiano. La compagnia e' ottima, il road e' una grande famiglia, e ci puoi trovare ovunque.
Arriviamo ad Ancona nel primo pomeriggio e subito andiamo al palazzetto , splendido , per le gare.

A sera dopo il primo oro di Virgilio nel peso, torniamo in hotel io Lucky, Massimo ,mio compagno di camera, Luisa e Virgilio. Cena e a dormire .

Il giorno dopo sveglia presto Massimo fa qualche esercizio di stretching mi sembra nervoso sente la gara anche perche' torna da un periodo di stop . Io invece sono tranquillo e sereno ..
Al palazzetto dove giungiamo per le 9 si respira aria di agonismo. Incontro ancora gli amici delle mie zone, Ruga e Affabile ma non becchero' Luigi Guidetti che , vi anticipo , domenica vincera' l'argento nei 400 della sua categoria.

Per godermi in pieno la giornata mi metto in cuffia una musica che trovo straordinaria , Dancing di Elisa, e passeggio su e giu per il palazzetto , sto benissimo.
Intanto Simona che ieri aveva gia vinto l 'Argento nei 300 M40 ribissa nei 1500 .. una grandissima ..!

Iniziano poi  le batterie degli uomini dagli M65 in giu , e' finalmente il turno di Massimo che stacca un ottimo sesto posto con 4'42" negli M50. E adesso tocca a me.. mi son visto la gara di Massimo in prima linea nel recinto dove insieme agli altri 20 attendiamo il nostro turno.

Ho calzato le mie chiodate e devo dire che la sensazione che mi danno e' splendida .. sembrano delle ali ai piedi.. Ma non c'e' piu' tempo si entra nell'arena e me la godo.. Due allunghi e poi la chiamata. Non ho tempi di accredito, il mio numero 18, sulla coscia destra, 587 di pettorale, mi porta ad essere in fondo.

Ai vostri posti intima il giudice fidal . BANG .... via.. io ero in terza fila alla corda ma dall'esterno si buttano lasciandomi inesorabilmente in fondo..



Dopo la curva mi riporto subito a centro gruppo e li rimango .. e' impressionante il rombo delle chiodate sulla pista sembra davvero un tam tam animalesco. Inanello i giri mantenendo la posizione , non faccio quaso fatica 1 , 2 , 3 ,4 .. ecco i 1000 , il gruppo passa a qualche secondo da me in 3 e 06".. io sono a 3 11 circa..  non male dico ma adesso si fara' sul serio.. Intanto protetto da uno con la canotta scura , mi perdo l'attimo (inesperienza) dove si allunga e si crea un buco ..






























Salto il tipo davanti a mi metto assieme ad un ragazzo dell'ambrosiana. Ecco i due giri , abbiamo aumentato, l'andatura, si fa fatica vera adesso.. un bel giro e la campana dell'ultimo suona tra le urla degli amici che incitano, penultima curva e , appena terminata, ecco l'attimo.. Le sopracciglia si piegano , lo sguardo diventa diabolico , parte la fucilata.






 Via, cambio secco da centometrista.. i primo due li passo subito e senza piu' pensare mi bevo il rettilineo tra le urla di Lucky a cui casca pure l'ipad con il quale stava riprendendo la mia gara.. Ultima curva a tutta e rettilineo , eccone un altro preso a meta' e l'ultimo a due metri dalla fine.. Arrivo.
















Grande gara , grande cuore ! felicissimo .. sapevo di aver fatto un qualcosa di straordinario , ma non sapevo quanto e come.. Dopo i complimenti dei soci vado a fare a doccia e quando esco sul telefonino in facebook leggo il commento di Lucky sul mio diario che vi riporto..

Mostruoso! Volata impressionante! Ci avevo visto giusto.

8 posto in 4.40 primo 1500 senza prepararlo.

La Pista sarà la tua nuova casa!

Track & Field !!!!






4'40" e 74 centesimi ...  il mio primo e PB sui 1500...

adesso la strada e' tracciata quel sogno e' ripartito e vedremo di farlo vivere il piu' possibile..

Cosa ho imparato ?  Che i sogni sono l'unica strada da percorrere nella vita , non rinunciateci mai .

Dedicato a voi !

PIMPE

tutte le foto della gara (occorre un profilo facebook)

le classifiche fidal 





il campione italiano e primatista sugli 800 indoor Ugo Piccioli Cappelli 

giovedì 6 marzo 2014

SUNO. GAMBA D'ORO .


Domenica 2 marzo.

Dopo i 3 giorni di stop della settimana , venerdi ho ripreso ad allenarmi sul tappeto e sabato sono uscito per mezz'ora. Ne e' nato uno "scarico"  quasi involontario , quindi domenica mattina ,tra una chiamata e l'altra per lavoro, decido ,con Ale, di correre la prima tappa del circuito gamba d'oro 2014.

A Suno arriviamo appena in tempo per iscriverci e scaldarci, c'e' il sole ma le piogge dei giorni scorsi han lasciato sul percorso acqua e un po' di fango nei tratti non asfaltati.

Siamo in 805 iscritti compresi i vari bambini del minigiro.

Partenza affollata , si sta davanti.. Proviamo l'andatura allegra pro sabato..
Via subito i primi con Luciani ,Saltarelli ,ecc a far l'andatura, io poco dietro. Voglio tenerli per un po' senza esagerare.. Dal viale alberato della partenza svoltiamo a sinistra e procediamo su asfalto con una leggera salitella arriviamo al km 1 (3.26) . Non male, sono li pure io e senza particolari problemi. Discesino sempre su asfalto e sino ai 1500 tengo il passo, poi non avendone come loro inizio dopo una consultatina al garmin a sflarmi leggermente , e facendomi recuperare pian piano . km 2 in 3.31.




Stabilizzata l'andatura , mi accingo a percorrere il terzo km a salire sempre leggermente e a passare su sterrato o meglio ad evitare le buche allagate .. le gambe pero' girano e il km 3 si chiude in 4.02.

Il km 4 e' anch'esso a bagno e si fa un po' piu' di fatica sempre a salire leggermente. 4.07 lo score.
passiamo un breve tratto nelle vigne su asfalto , per poi ritornare su un rettilineo cross che sale decisamente , mi fa compagnia un podista che sapro' poi essere il campione provinciale BI-VC di cross , Elvio. Difatti lui si trova bene in questi pezzi e io devo stargli incollato per non perdermi.. Quinto in 4'24".




Recuperiamo una posizione su un ragazzo un po' in difficolta' , dopodiche' inizia la discesa su ciotolato a fianco dell'osservatorio astronomico. 3.45 il sesto. Bene adesso il terreno e' proprio molliccio, si fatica un po' , ma la mia tattica di sopravvivenza dopo le varie gare fangose da i suoi frutti.. passi corti e culo basso mi permette di non staccarmi e  tenere Elvio. 3'58" il settimo km. L'ottavo praticamente a mollare le gambe che rispondono bene passa in 3'50" , dopo pochi metri si ritorna finalmente su asfalto e ci dirigiamo verso Suno,
solo che in ingresso al paese ci fanno riprendere a sinistra un ennesimo tratto di saliscendi ; passiamo Carlini non al top oggi, siamo in 3  , un ragazzo ci aveva agganciato al sesto ed e' rimasto a ruota.. km 9 in 3'46".
Ultimi sforzi , Elvio ha allungato leggermente , io e il terzo siamo li . Discesino con Finesso a fare il tifo e via verso l'arrivo ma nel prato ultima rampetta cross ,poi allungo  e arrivo 15 esimo in un sorpendente 38'17" per i 9.980 metri.. ! ( 3'29",ultimo km) media finale 3'50"/km . Sarebbe il mio personale bruciato in piano sula distanza..





Classifica : Ronnie Fochi su Spada, Luciani, Saltarelli, Gambetta, Sacco, Raineri,Mattacchini, xxx, Giromini, yyy , Temporelli , Lacqua, Vinzio, Pimpe.

Femminile: Fumagalli, Manzato, Dellavecchia, Diaferia,

Leggo da Botelli (articolo) che sono spariti i premi per i vincitori.. Non capisco la cosa, evidentemente sono all'oscuro di certe logiche ..
Non ne vedo la necessita' anzi, come sempre lascerei i premi ai primi 3 come minimo, e a discrezione di chi organizza aumentare ... Divertente l'anno scorso a Briona i sacchetti coi premi sino al decimo che son diventati ai gruppi dopo il terzo..
Non e' secondo me la scelta di non premiare i singoli , maschile e femminile , la cosa migliore da fare anzi..
O , con tutti i dubbi del caso,  qualcuno viaggia piu' a braccetto della federazione ultimamente.. ????


saluti
Pimpe